Haria - His books - Rupe Mutevole publishing house


I tell you about the magical and natural world
by Haria

Have you ever wondered where that boundary between life and death is? That thin line that separates human rationality from awareness? There is a woman who knows the answer: after years of silence she decided to write her story by handing it her testimony into the hands of a small publishing house with the natural name "RupeMutevole", perhaps this is what prompted her to publish in 2004. Thus came the first book of a long series entitled "Women of knowledge", a revelation book, which leads us into a magical world, ancestral yet real and accessible to all of us, no tricks, no deceptions in these pages, only awareness and real testimony of this Haria woman and her journey into the world of beauty.

Fifteen years earlier, at the age of 28, Haria left modernity to find herself again by entering the endless chestnut woods, on the cliffs and on the peaks of the Penna, Tomarlo and Nero mountains, where she rediscovers a new exciting solitude in the mountains that makes her rediscover the feeling of "Wonder". Wonder for a world now ignored, unknown to the people of the cities: the spirit of nature.

Haria perceived that the spirit of nature was pure energy, an immense, engaging energy. From here began his journey into knowledge thanks to the meeting with a shaman, who would become his teacher of freedom, the last of a lineage of women of knowledge. Here his journey into beauty, the purest energy of nature.

Haria began to write about her journey of knowledge. In a few years he published with Rupe Mutevole: Women of Knowledge - The light in the eyes -The breath of beauty - Energy plants - Extensity- Anzol - The Way of the Unknown - The Map of the Ancient Women of Knowledge - Remain suspended - Beauty events - The Other Extensity - Rua.

Each book is a path, in the ravines of creation, among the countless Haria teachings, which lead us to the rediscovery of nature, to the beauty of every single element, up to the secrets of healing plants. body giving the reader not only a new conception of spirituality, understood as an interior path, but a real path towards a new vision of existence itself.

Haria, a woman of knowledge, continues her path of magical awareness. His books are dazzling lights in an almost extinct world and trace a new path, real and viable: the way to freedom and for those who love nature in its heart, can only be surprised at how much our life is feasible only thanks to the world of nature: reading these books you will not only learn a new way of conceiving the unknown, but you will fully embrace the secrets of our "Mother Earth".

If you want to discover his books, visit the Rupe Mutevole Edizioni website

Monica Pasero.


Interview with the publisher Cristina Del Torchio: Rupe Mutevole Edizioni and its 10 years of publishing activity

The publishing house Rupe Mutevole Edizioni was born in January 2004 thanks to an idea by Cristina Del Torchio, the publisher. They have therefore passed ten years since the publisher embarked on the path of the first publications.

Ten years of incessant literary production and of considerable exponential growth.

In the beginning, Mutable Rock devotes himself to the texts of Haria, author with deep feminine wisdom, devoted to understanding Nature and its Energies. Haria's books will have some success and Rupe Mutevole starts wandering with new necklaces and new artistic proposals.

Currently there are eighteen editorial series active, and are so called: "Border Literature", "Transfigurations", "Maps of a new era", "Essays", "Revelations", "Poetry", "Fairie", "Atlantis", "Beyond the border" , “Writings on stage”, “Sopralerighe”, “Heroides”, “Echoes from history”, “Visions”, “Free margins”, “Echoes from the internet”, “Roots”, “Supernal Armony”.

The publishing house has always been very attentive to literature but also to other artistic forms for a kind of harmonious comparison that distinguishes the thinking of the authors and the publisher. Therefore, we also find a selection of interesting experimental films and recent melodies from the creation of "Supernal Armony", the series that presents the new musical current Armony Haiku by Mark Drusco.

Cristina Del Torchio she was very helpful in answering some curiosities about the publishing house and its immediate future. Enjoy the reading!

A.M .: Rupe Mutevole Edizioni was born in 2004, ten years of important milestones have passed since then. Can you tell us how the idea of ​​opening a publishing house was born?

Cristina Del Torchio: Ten years of goals, yes. Yet today I feel as I did then, with the same enthusiasm, the same determination, the same impetus, the same courage. It took a lot of courage to found a publishing house, give freedom to a vision and make it a reality. One morning, just after dawn, I was walking along a path among the chestnut trees. I looked up at the splendid mountain that stands alone between Monte Penna and Tomarlo and I saw it enveloped in a pink light. I stopped to admire it, and in a few minutes it went from pink to orange and then to yellow, when the sun was higher. Rupe Mutevole: this is the name I would have given to my publishing house. Publishing work was not new to me: between 1998 and 2000 I was the editor of The Literary Magazine, an international literary magazine which, due to its graphic style and editorial choices, had received much appreciation in Italy and abroad. I published short works by authors from all over the world, with text in the original language opposite. So I knew the publishing market very well and the complex activities related to Rupe Mutevole could only improve, so I launched into the company. Almost immediately I met Haria, a young woman who had chosen the Path of Beauty in the midst of Nature. She turned out to be an extraordinary writer, unique in her literary-philosophical genre and in a few years Rupe Mutevole published ten manuscripts of Haria. His books, which revealed a magical but accessible and real world and a possible lifestyle 'beyond the border' of this chaotic civilization, were immediately lucky and the excellent sales allowed me to invest in other publishing projects. Haria has remained faithful to her path of awareness and even Rupe Mutevole has remained faithful to the original project of publishing 'border' literature, although in a few years the catalog has been enriched with other series.

A.M .: The beautiful mountains of Bedonia, a breathtaking location. Do you think that the publishing house's creative flair has also developed thanks to the close contact with Nature?

Cristina Del Torchio: Of course. Living in the midst of Nature is not only a right life choice, but it is also a professional necessity for me, because the peace and the creative drive that you get are priceless. And then the very fast pace and the complexity of the editorial work are perfectly sustainable living in a natural landscape, free from the urban frenzy.

A.M .: How many and which are the editorial series present today?

Cristina Del Torchio: The Rupe Mutevole catalog has been increasingly enriched with new editorial series that want to give voice to artistic and literary sensibilities. I would like to recall the first born, "Literature of the Border", "Transfigurations", "Poetry", "Revelations", "Beyond the border", but a look at the new with Writings on stage for theatrical texts, Essences to collect literary anthological harmonies the essentiality of a sentence, a fairy tale or a small story with new graphics and colored papers, with particular attention to the new editorial formats, created and designed to bring the publication to life even with the reader's thoughts to complete the reading of the texts and make the book unique and personal.

A.M .: An originality that is also manifested in the choice to produce literary editions on fabric. What are Woven Fairy Tales?

Cristina Del Torchio: The woven fairy tales were born from an idea of ​​mine that had already been in my projects for a long time. I am thrilled by the thought of associating fairy tales with fabric using different materials and making them harmonious with each other. I have published some pictures of the first fairy tales on the FaceBook Fairie page, The world of enchantment. This necklace "The sun stole the colors from the rooster's tail" was born as a short nursery rhyme and aims to introduce the magic of a world, the magical sensation of blades of grass and pink clouds.

A.M .: Not just books, in fact, Rupe Mutevole has shown great interest in music. When was Supernal Armony born and what are its main features?

Cristina Del Torchio: “Supernal Armony”, a new musical current created by the composer Mark Drusco, has established itself for its intensity and innovative scope and has become a musical series by Rupe Mutevole Edizioni. This synergy between music and literature is proving to be extraordinary, because Mark Drusco's music develops, among other things, narratives that are perfectly in line with Haria's magical vision. Rupe Mutevole has already published 2 CDs (The Way of the Unknown / The Memory of the Unknown and Canticle) which contain music by Mark Drusco and texts by Haria in booklet format. We are also busy producing a new film that is still in the works, “Magical Trasmutation” based on Haria's “Castagni e Trasmutazioni”. The main performer is Irish actress Patricia Murray. The music will be by Mark Drusco.

A.M .: We are facing years of strong technological changes that have changed the relationship between publisher, writer and reader. What is your relationship with social networks and blogs?

Cristina del Torchio: My relationship with social networks has improved in recent times and I try to use these new technologies to complete the artistic path that first pushed me to found Rupe Mutevole with all its parallel lines and paths. The beauty of seeing a book born, with the choice of papers: precious or raw, choosing textures and colors, must also pass through these new technologies, to reach the public and make it linger on a sentence, a poem, creating synergies, interest and new readers.

A.M .: Would you like to tell us some news for this 2014?

Cristina Del Torchio: THE2014 started with new paths, novelties that give me a renewed determination. I promised myself to expand collaborations with artists who could give a new vision. H.or met Mara Khellini who collaborates with us as an illustrator to create a volume that will be presented next October at the Buchmesse in Frankfurt. I wanted to make people understand how the illustrations in a book should not be a frame but a narration of the story, a world that opens up to the reader's imagination and with Mara I really think I have found a high-level artistic collaboration. Another project started last year but which has been consolidated in the first months of this year is the expansion of the BookAudioMusic series with the collaboration of the actor Mario Lucarelli, who interprets poems, fairy tales and stories with the professionalism that distinguishes him and an uncommon sensitivity. Thus were born the audiobooks with his voice and the music of Mark Drusco. Another nice novelty is the creation of photographic books with the collaboration of Emanuele dello Strologo, an artist who interprets the world in its chiaroscuro, capturing the shadows and lights of the world with his lens. His images will be accompanied by literary interventions by Smeralda Fagnani, already present in our catalog with a poetic collection that is gaining considerable public appreciation. The photographic volume will be presented in prestigious locations in the major cities. In 2014 there will be other news both for the promotion of authors and for new spaces for event presentations that will be able to give more and more visibility to our publications, whether books, audiobooks or new editorial harmonies.

A.M .: Say hello to us with a quote ...

Cristina Del Torchio: To finish I transcribe some verses by Emily Dickinson, which has always given me strong emotions

Behind this deadly web of bones

another is intertwined with it much stronger.

You couldn't scratch it, or hit it with your scimitar.

So we have two bodies, if you can bind the one,


MUTE RUPE Editions

Founded in 2004, RUPE MUTEVOLE Edizioni chose a village in the Ligurian-Emilian Apennine mountains as its headquarters and place for its publishing activity. It was a counter-current and innovative choice, characterized by the need to get rid of the abused cliché that imposes the city as the only productive center of a publishing house. It was a question of looking for new rhythms, new propulsions, new enthusiasms and Rupe Mutevole found them among the open spaces, among the chestnut woods, on the cliffs and mountains that surrounded the village.
Now it was important to publish books that would leave a new and lasting imprint, that would vibrate the spirit of readers and lead them 'over the border' of a washed-out and contradictory reality.
Thus came HARIA, a 'woman of knowledge' and extraordinary writer, and brought manuscripts of unique intensity. They were literary works that revealed an unsuspected world, beauty. In beauty, the supersensitive, the magical side of nature, Haria lived and drew meanings to achieve 'total awareness'.

One after the other, twelve other series were added to the 'border literature' series that housed Haria's first books, on history, contemporary Italian and foreign fiction, poetry, non-fiction and children's literature.

For two years the new DESIGN MAGIQUE project by Rupe Mutevole has been gaining a lot of attention from the public and stationery and gift items have encouraged us to extend our graphic research also in the production of literary furnishing accessories that include fairy tale panels, fabrics that they take up excerpts from stories and poems, dechor papers that can be hung framed or used for decoupage,

Our editorial catalog also has two novelties, musical and artistic editions that you can browse through in the SOVEREENSITIVE HARMONY section.


Rupe Mutevole continues its adventure aware of its role, proud of its choices and proud of its dream.

tel. 339 4119540
Rupe Mutevole Editions Location Libbia 11 43041 BEDONIA Parma


The editorial news for April 2012 from the publishing house Rupe Mutevole Edizioni

Founded in 2004, the publishing house Rupe Mutevole Edizioni has had the opportunity to expand in the thematic and geographic sector. There are seventeen editorial series of the publishing house, seventeen are therefore the arms that welcome diversity to lead beyond territorial and mental borders. The naming of the series is in line with the policy of the publishing house, in fact we find: "Border Literature", "Transfigurations", "Maps of a new era", "Essays", "Revelations", "Poetry", "Fairie" , "Atlantis", "The quiet and the restlessness", "Beyond the border", "Writings on stage", "Sopralerighe", "Heroides", "Poetry and life", "Echoes from history", "Visions", “Free margins”, “Echoes from the internet”.

Here are the news for the month of April 2012:

"Symphony of the three stars" by Patrizia Di Donato, Federica Ferretti, Azzurra Marcozzi

when the Abruzzo sky is told,
dew drops are born
that will indelibly wet your hearts

Necklace "Roots". Abruzzo has returned to fly high. Our culture intends to express itself in its peculiarity through the poetic code, the flagship of a feeling that has managed to cross the borders of our beautiful region, establishing itself on a national level. A magical meeting, which took place on a warm March morning at their Radio station in Giulianova, the one between the poet Federica Ferretti, author of The song of the red swan, Rupe Mutevole Edizioni, presented at the Turin International Book Fair last May, and the countrymen Patrizia Di Donato and Azzurra Marcozzi, equally enamored by the beauty of the words. It all started by chance, thanks to the network, thanks to a social network, which managed to interconnect and bridge even small distances, but which at times could seem enormous, dictated by atavistic parochialism, resistant to any force. And so, the sky of Abruzzo, which slips between the mountains in love with their sea, was again crossed by a happy flight, that of the red swan, supported as it touches the snow-capped peaks of April, by an extraordinary solidarity of intentions, merged precisely into an Anthology with three singular female voices, proudly from Abruzzo. From the preface by Federica Ferretti

"Thoughts of dew" by Francesco Arena

Necklace "Above the lines". The way of expressing poetry present in the writings of the artist Francesco Arena, underlines how he too can be counted among the "Bearers of Light", that is, true artists. In fact, he too fits among those poets capable of bringing out and bringing to light messages that are useful for human work. It should be added and emphasized that the artist through his messages not only satisfies himself, but enriches every environment in which his writings circulate with positive vibrations. He could introduce himself among those who have acted with strength and tenacity, passing from dreams to daily reality, illuminating the being in its eternal becoming. By doing this, the Poet introduces us to a type of reality that often escapes most since poetry is the essence of reality visible to all. Francesco Arena manages, through his poetry, to revive and vivify those "living dead" too often far from the poetic message.

"The devil of Sant’Andrea" by Gaetano Allegra

Necklace "Border literature". Totore Iodice is a very young farmer who lives in a village on the slopes of the Vulture, in Basilicata. he is a bright and bright boy, who unlike his peers has clearly defined his dream in his mind: he wants to emerge from the context of crass ignorance in which he was born. He wants to learn to read and write. He will come to blackmail a priest in order to succeed in his intent. Destiny, however, has many other and incredible projects ready for him, so much so that the whole of Lucania and then all of the South will soon learn to whisper his name. Against the background of an Italy that, still in its infancy, lives on ideals and hopes as much as on contradictions and hypocrisies, the stories of Totore intersect with those of characters who, for better or for worse, wrote the birth of our nation. The brigand Crocco, his faithful lieutenant Ninco-Nanco, the lawyer Giuseppe Tardio, the generals Cialdini and De Sonnaz and even Rattazzi, Cavour, Vittorio Emanuele II. "Il Demonio di Sant'Andrea" is a novel with two faces, as distinct as they are necessarily complementary, as much in contrast as they are intertwined with each other. The first is the image of a timeless fairytale. it is the story of a revenge, a rebellion, a dream. it is a story as many could have existed. The story of a man so strong and full of ideals that he was able to rebel against his own destiny. The other has a well-defined time and place. is the chronicle of the birth of this nation, Italy, which a hundred and fifty years ago emitted its first cries after a limbo that lasted since the breakup of the Roman Empire. And it is a chronicle that, drawn from the apocryphal diaries and journalistic prints of the time, does not perfectly follow that told by many history books. it is a little redder, perhaps, with blood. it's a bit harder to swallow. Unpretentious, it is certainly a little more true.
“Journey into the heart” by Roberto Colonna

Necklace "Echoes from the internet". A man who was able to dare, in words as well as in life, when he decided to turn around, to look for his future where there was nothing but an unknown factor. In fact, he transformed his decision to emigrate to regain possession of the future, into a new song in a broad "political" sense, of which he becomes a courageous spokesperson as a Roman poet-musician, now resident in Australia: it is all this and much more. again the author Roberto Colonna. Driven to expatriate to have a chance somehow denied by his country of birth, we certainly find in his poems, literary topos that inevitably unite him to many other emigrants: the influence of distance, as well as the lack of of loved ones and the native city.But it is in two compositions above all, ROME OF LOVE and ROME OF LOVE, that the problems of one's homeland are outlined, unable to meet your expectations, indeed, it seems to induce you to leave, abandon it , to leave everything behind even in the poignant nostalgia of your city, which is also the capital, among its contradictions and its beauties.
Paradoxically, however, Roberto pursues a destiny: he will even fulfill a dream, that of living in Australia, where, as we recalled, his "magical" propensity for writing is revealed to him.

"The sweet eyes of love" by Vito Cimmarusti

Necklace "Echoes from the internet". An eclectic author as only true poets can prove themselves, Vito Cimmarusti won me over for an elegant style yet close to everyday life, the one you touch and has, finds the courage to amaze you even when you no longer expect it. And instead, you can rediscover, for example, tenderness, as in these verses: “Amore di Nonno (to Carol). With anxious, exhausting expectation, / miracle of love you live / for the irrepressible radiant joy / of the poet Grandfather obedient to Heaven / the premature blossoming / of an intoxicating flower ... ", because he has always shaped the words, representing their most intimate inflections : like a virtuoso musician, he plays each of the strings of our soul, dropped into contingency.
And the words, you know, flow, as if they were waves that reach us to withdraw just afterwards, shy again. But in that while, they changed us, they helped us to evolve and, then, we can no longer be the same, also due to the depth of the topics always treated with caution.
It is not up to me nor would I take the responsibility to express a judgment on a poetic world that is already multiform, multifaceted, rich in influences and contaminations, which preserves the mother tongue (Pugliese), as a very precious resource, the result of which it is a “singular lyrical expressive code that distinguishes me in the poetic panorama. A language expressed in symbols and images, deriving from love for my land ".

“Born in a carriage” by Elena Leica

Necklace "Quiet and Restlessness". Elena Leica was born in a carriage, she tells it in an anticipation of her next novel, she writes it in the biographical notes, as if it were an event tattooed on her skin and probably it is, like everything unusual and miraculous. Not for the fact of being born on a carriage, but for having come into the world premature, from the womb of a very young mother, and having undergone a kind of magical prediction then, reached the hospital. A special doctor baptized her lucky child in the future, always. And so it was. The five days of prognosis have strengthened and made her unique, a child who would have suffered, but would always have won. That doctor, eighteen years later, she saw him again and met him as an adult, on that face marked by time the smile of wisdom and the satisfaction of an apt forecast. So Leica wanted to make this episode an important part of itself. As in the short excerpt in fiction reported at the beginning of this collection, even in the drafting of the poems, the style of this pen has a spontaneous and immediate character, with that little bit of talkative expression typical of youthful writing, which needs to repeat the concept, as if to underline it, to highlight it. The repetition, however, is not pedantic, it does not act as a constant refrain to the song, no. indeed it is a sort of second chance, like a "I love you very, very much" rather than a simple "I love you". The same concept, a different reinforcement.

For the editorial news of March 2012:

Useful links for ordering books and visiting reference sites:

Head of Press Office Rupe Mutevole Edizioni


The editorial news for February 2012 from the publishing house Rupe Mutevole Edizioni

Founded in 2004, the publishing house Rupe Mutevole Edizioni has had the opportunity to expand in the thematic and geographic sector. There are seventeen editorial series of the publishing house, seventeen are therefore the arms that welcome diversity to lead beyond territorial and mental borders. The naming of the series is in line with the policy of the publishing house, in fact we find: "Border Literature", "Transfigurations", "Maps of a new era", "Essays", "Revelations", "Poetry", "Fairie" , "Atlantis", "The quiet and the restlessness", "Beyond the border", "Writings on stage", "Sopralerighe", "Heroides", "Poetry and life", "Echoes from history", "Visions", “Free margins”, “Echoes from the internet”.

Here are the news for the month of February 2012:

None of your kisses fell to the ground" of Gigliola Biagini

Necklace "Transfigurations". “He loved to surround himself with women of all ages as long as they were vital and still capable of believing in a dream. She knew how to listen and recognize the signs of need that came from each one. Like a perfect libertine of yesteryear, he juggled with ease between the different requests for attention. He consoled the disappointed, prodded the depressed, flattered the proud, was sweet with the sweets, passionate with the mature, tender with the ugly, male with the females and ephebic with the masculine. He played every role of love with skill. He aspired to satisfy and wanted to be loved by all. It's hard to say how much he received in exchange for so much dedication. "

Dream Dances" of Iole Testa

“Echoes from the Internet” series. I met Iole on the net… and I immediately understood that her echoes from the internet would win me over. She was not only a teacher, Iole, but, moreover, she has a keen eye, a keen intuition, which goes far beyond the classic diligence of a teacher ... She penetrates into people's souls, to grasp, to the point of exalting, that world that we would like to rediscover, the one made up of sound principles, which give space to the values ​​of peace. Do we ever stop during the day to listen to all those who, in some way, find themselves in difficulty?
Or do we let things slip on us, let every pain, every sadness, every tear be wasted in vain? Iole Testa manages to grasp the meaning of a path, to send us a message of hope, to glimpse the light at the end of a tunnel, the one in which our children increasingly end up, trapped in more or less serious deficiencies. And it helps us to exorcise modern fears from the lives of our children, brothers, grandchildren, those ghosts that our society feeds every day, stereotyped in soulless and faceless mannequins, a perfectly empty crowd.

Life is too short not to be happy" of Francesca Colantoni Mazzucco

“Transfigurations” series. Have you ever happened to be 17 and feel like 70s old inside?
Or say “no but I don't do anything monotonous. I hate monotony. " And then feel damn monotonous? Well ... I don't know how right it is to start these lines like this. But one way or another I had to start them! Oh yes because .. the more you read the more you get passionate about it and the more you want to read and continue to feel those emotions that only a book can give. To find myself here to write one of my own I had to go through a great path of decision and stupid self-conviction in saying "but no, but I'm going to write .. but I have to study, I have to go to the gym, I have to sleep, I have to think about it ... I have to I have to… ”, a simple series of idiotic excuses for wanting to escape to something new and inviting. I have always enjoyed reading since I was a child. I started with those stupid storybooks with pages that, if you rubbed them with your index finger, smelled of rose hips, so as not to hear mine screaming on the other side of the house, I locked myself in my bedroom with the fantasy that wandered among those pages ...

Single Siege" of Christian Iacomucci, Lorenzo Campanella Morana, Stefania Mercantali, Laura Cuppone

“Transfigurations” series. The exuberance in keeping tight the versification of four hostages.

A prolonged siege that keeps thoughts closed behind a keyless door, no way out, the four protagonists surrendered by reality endlessly try their hand at writing their emotions, their fantastic stories and their memories. Inside the room without time and space, four authors boldly confront each other, not to meet the escape but to consolidate life from the words and, thus they begin to narrate, aware of the fact that their narration will never meet an end. Christian Iacomucci, Stefania Mercantali, Lorenzo Campanella Morana and Laura Cuppone are the protagonists of "Unico Sedio", a collection made up, respectively, of four poetic syllogs: "Carnet", "Olimpo Travel", "Symphonies of worlds" and "Perfect storm" . An original link between literary fiction and shrewd objectivity, which is handed down with the figure of being properly besieged by the need to develop a discourse around one's own intellects.

Daughter of a better father" of Roberto Ioannilli is Milena Petretta

"Quiet and Restlessness" series. La lettura di questo romanzo, dona, inizialmente la sensazione di vivere situazioni a molti conosciute, che ci indicano la vita in una società piena di famiglie sfasciate o comunque con problemi e “panni sporchi” da lavare in casa. Ma continuando nell’osservazione degli eventi, che si susseguono intriganti, pieni di introspezione e di quella forza sentimentale che contraddistingue tutti i personaggi della storia, ci si accorge che si tratta di una particolarissima avventura esistenziale, tutta incentrata non tanto sui fatti, ma nell’analisi di essi.
Roberto Ioannilli è al suo secondo libro: dopo il successo con il singolare “IN CAMPER CON MARIE” romanzo nel quale ha smesso i panni del maschio per identificarsi nella donna, torna qui, accanto alla giovane Milena Petretta, autrice alla prima esperienza in prosa, per mettersi a confronto, per vestire la pelle di un padre lontano dalla figlia a causa di forza maggiore una figlia che ritrova dopo dieci anni per un caso del destino e che lo condurrà a un faccia a faccia con se stesso, a un rimettersi in discussione come uomo e come padre. Dal canto suo Sara, la figlia, comprenderà che l’esistenza non è sempre decisa da noi stessi e dalle nostre intenzioni, ma da molti fattori concatenati.

Lettera a Tommaso” di Alima Meli

Collana “La Quiete e l’Inquietudine”. Lettera a Tommaso è un libro godibilissimo, piacevole già dalle prime espressioni, dagli immediati palpiti di spontaneità che questa Autrice porta con sé e ne fa un uso magistrale, con una naturalezza sorprendente. Alima Meli, scrittrice milanese, appassionata anche di poesia, apre la sua avventura nelle collane della “quiete e dell’inquietudine” con una prova in narrativa che ha insite entrambe le sfumature: quieta per la saggezza che riesce a trasmettere, e inquieta per lo stile schietto e per i concetti caratteristici di chi vive pienamente il nostro periodo storico sulla propria pelle assaporandone ogni sfumatura, l’insofferenza nelle viscere, nel linguaggio, nella scrittura. Particolari che rendono ancora più interessanti sia lo stile che la vicenda narrata. Mi sono chiesta spesso, scorrendo le pagine, quanto e in che termini vi sia di personale ed autobiografico nel romanzo che pare a tratti surreale, profondo e portato all’esasperazione dei sentimenti, credo, volutamente. Le tematiche affrontate non sono quisquiglie: si passa dall’amore intenso alla piaga sociale dello stalking, dalle reazioni di una donna sola in una tragedia immensa fino al recupero della fiducia nell’esistenza, in quel bene forte per il pulsare vitale e la fede negli altri, la dedizione nei confronti degli amici, il rispetto della natura e degli animali. Al di là della storia del romanzo, credo vi sia moltissimo di Alima Meli in ogni pagina, molto dei suoi valori, della sua integrità, correttezza, lealtà.

I cocci dell’anima” di Cristian Marrosu

Collana “La Quiete e l’Inquietudine”. Quando si parla di anima è difficile rimanere leggeri o ironici. Chi ne parla, anzi scrive, potrebbe esserne stato toccato in prima persona e raccoglie i cocci del dolore, della disperazione. Oppure potrebbe essere il portavoce di situazioni vissute da altre persone, ma è ovvio che il lavoro dell’artista è dettato soprattutto da grande sensibilità e capacità di calarsi nei panni altrui. Cristian Marrosu ha voluto mettersi alla prova con una narrazione di tipo classico, abbastanza scorrevole e apparentemente non tortuosa, però… E qui mi fermo. E’ il però che ci ha fatto pensare di trovare il pelo inquieto nell’uovo. E abbiamo scoperto che c’è. E probabilmente non è un semplice pelo, bensì un uragano che sta per scatenarsi all’improvviso. Il coccio è il rivestimento di quanto ormai andato in mille pezzi inevitabilmente, inesorabilmente, forse non recuperabile, però, appunto, la smania di una penna che a un certo punto scatta, fuoriesce con un inchiostro diverso, fluisce fino a toccarla di nuovo quell’anima lesa… ecco, l’anima uccisa. Presa in una tagliola, strizzata, fatta polvere, umiliata, offesa. Come rimediare a un dolore del genere? Impossibile. Ci vorrebbero altre vite. Altri libri, altre pagine, e poi non sarebbe uguale, l’individuo dovrebbe resettarsi, re-inventarsi, persino entrare in altre pelli. Forse. Ma il nostro bravo Autore ci fa pensare, con tale singolare romanzo, che può anche non essere così.

È ancora vivo!” di Liel

Distratti particolari pensieri” di Marco Pellacani

Collana “La Quiete e l’Inquietudine”. Pellacani non si estranea dal mondo dei più, da quel mondo che lo definisce diversamente abile, lui ci si immerge, lo vive intensamente e lo fa con gioia, percependo il suo dolore e, grazie a questo, sapendo vedere anche quello altrui. Lo vede, lo sfida, lo distrugge. La vibrazione più bella, più nitida nel respirare questo scritto, è stata per me proprio questa. Il lessico, la musicalità hanno contribuito poi a rendere ancora più intensa l’emozione: Marco Pellacani conosce l’alchimia dell’esistenza e la trasmette come un vulcano emette lava e calore, travolge, coinvolge, affascina. In poche parole: una lettera che diventa atto d’amore, proprio quello di cui tutti abbiamo bisogno, così tocca le corde degli animi, le fortifica, le avvince. Un chiaro esempio di umanità in un mondo di spade, di kamikaze, di armi e di vili interessi. In questo nuovo libro, che consiglio a tutti di assaporare, c’è tanta vita, tanta voglia di esserci e di essere, ma soprattutto c’è tanto amore.

“Insieme di parole” di Abele Fogazzi

Collana “La Quiete e l’Inquietudine”. Tutti i poeti, anche i maudits, cercano la bellezza oltrepassando le imperfezioni dell’essere, ecco che anche Abele Fogazzi attraversa tale fase con una marcia in più: lui ricerca la bellezza profonda, quella dell’anima, scopre le proprie debolezze, si fa portavoce di ogni soggetto e oggetto, dal malato alla miss, dall’ospedale al negozio. Una frase essenziale, tratta dalla lirica Cosa importa: “Vivi a testa alta, semplice, sincero, /fa che sulle labbra di ogni bambino nasca un sorriso”. Eccolo lì il concetto più radicato, la destrutturazione di tutto ciò che abbia una parvenza di significato, senza però lo scetticismo filosofico per esempio di Pirrone, ma come dicevo, quando c’è la sostanza tutto può essere messo in una discussione prima distruttiva e poi costruttiva. Il linguaggio semplice e semplificato è ovviamente il supporto del pensiero fogazziano, ma da ciò che egli propone possono nascerne dissertazioni più che profonde, più che filosofiche.

“L’ostinata poesia” di Roberto Bertero

Collana “La Quiete e l’Inquietudine”. “Lettere come fuoco, come ghiaccio, come storia. Voglio raccontare un po’ del mio romanzo, denudarmi e mostrarmi indifeso. Voglio essere perquisito perché ognuno possa scovare il mio essere. Tu che studi ciò che dico ma non sai chi io sia, spero tu possa immaginare le inquietudini e disegnare il mio identikit”. Così scrive Roberto Bertero rivolgendosi a me e a tutti i lettori che si avvicineranno a questa raccolta. Il romanzo è quello della sua vita, steso poesia dopo poesia, attimo dopo attimo con particolare abbondanza nella creazione, con punte di scrittura quotidiane, come un bisogno impellente, come esigenza diaristica per non perdere se stesso, mai. Da tutto questo fardello ho tratto gli stralci più significativi, quei pezzi che sanno d’anima, di vita stropicciata, vissuta appieno, sofferta e goduta. L’Ostinata Poesia è un’opera accattivante, mai noiosa, pregna di tutto quanto un uomo possa dire e provare sulla propria pelle, con tanto di certificato di garanzia, sì, la costanza di non smettere, anzi, l’impegno di crescere, di trovare le sfumature più graffianti. È bisogno puro quello del Nostro, è linfa che gli pulsa dal di dentro, lo si avverte ad ogni verso, laddove non può mancare il frenetico inquietarsi, le domande sacrosante dell’uomo in quanto tale, della persona con le sue debolezze, le sue paure, le sue emozioni.

“Parole dall’altro orizzonte” di Rosine Irénée Nobin

Collana “Poesia”. Si deve ad un sostanziale trilinguismo la singolare tonalità delle liriche di Rosine Nobin, creola-francese divenuta, per scelta e per amore, italiana.

Soggiacente a tutto è ovviamente il colorismo gemmeo del creolo. Dalle sue griffes e gradazioni discendono, in linea diretta, prima il francese e poi l’italiano, l’uno e l’altro in uno stato di traduzione e filiazione intima dal seme originario.

La lingua franco-europea – specialmente l’italiano di queste poesie – è in sostanza l’uguale idioma plastico di base, materiato di cose e luci, intarsiato coi riflessi del sole e del cielo, profumato di zucchero e vaniglia ed aromi tropicali.

È lo stesso idioma che arricchisce i testi di una colorita sintassi compositiva, delle figure serpentine e guizzanti, dei segni di puntuazione e di ritmica.

(…) La radice è un pezzo di memoria, ma anche una parte di realtà concreta, attuale. I lontani territori dell’infanzia ingenerano nostalgia e visioni vaste, nelle quali si riflettono fiori policromi d’eterna bellezza e mari argentati.

Per le novità editoriali per il mese di gennaio 2012:

Link utili per ordinare i libri e per visitare i siti di riferimento:

Responsabile Ufficio Stampa Rupe Mutevole Edizioni


Chi siamo

Fondata nel 2004, RUPE MUTEVOLE Edizioni scelse un villaggio sui monti dell’Appennino ligure-emiliano come sede e luogo dell’attività editoriale. Fu una scelta controcorrente e innovativa, caratterizzata dalla necessità di sbarazzarsi dell’abusato luogo comune che impone la città come unico centro produttivo di una casa editrice. Si trattava di cercare nuovi ritmi, nuove propulsioni, nuovi entusiasmi e Rupe Mutevole li trovò fra gli spazi aperti, fra i boschi di castagni, sulle rupi e montagne che circondavano il villaggio.
Ora contava pubblicare libri che lasciassero un’impronta nuova e duratura, che facessero vibrare lo spirito dei lettori e lo conducessero ‘oltre il confine’ di una realtà slavata e contraddittoria.
Fu così che arrivò HARIA, ‘donna di conoscenza’ e straordinaria scrittrice, e portò manoscritti di un’intensità unica. Erano opere letterarie che svelavano un mondo insospettato, la bellezza. Nella bellezza, il sovrasensibile, il lato magico della natura, Haria viveva e traeva significati per ottenere ‘consapevolezza totale’.

Una dopo l’altra, alla collana ‘letteratura di confine’ che ospitava i primi libri di Haria, si aggiunsero altre dodici collane, di storia, narrativa contemporanea italiana e straniera, poesia, saggistica e letteratura per l’infanzia.


Rupe Mutevole continua la sua avventura consapevole del suo ruolo, orgogliosa delle sue scelte e fiera del suo sogno.

tel. 339 4119540
Rupe Mutevole Edizioni Località Libbia 11 43041 BEDONIA Parma


Le novità editoriali primaverili della casa editrice Rupe Mutevole Edizioni

“I genitori ti insegnano ad amare, ridere e correre. Ma solo entrando in contatto con i libri, si scopre di avere le ali.”Helen Hayes

Carissimi lettori, oggi vogliamo parlarvi delle novità editoriali degli scorsi mesi primaverili della casa editrice Rupe Mutevole Edizioni, ormai al suo undicesimo anno di attività letteraria.

Sono venti le collane editoriali della casa editrice, venti sono dunque le braccia che accolgono la diversità per condurre oltre i confini territoriali e mentali.

La denominazione delle collane è in linea con la politica della casa editrice, troviamo infatti: “Letteratura di Confine”, “Trasfigurazioni”, “Mappe di una nuova èra”, “Saggi”, “Rivelazioni”, “Poesia”, “Fairie”, “Atlantide”, “Oltre il confine”, “Scritti in scena”, “Sopralerighe”, “Heroides”, “Echi dalla storia”, “Visioni”, “Margini liberi”, “Echi da internet”, “Radici”, “Supernal Armony”.

Ma ora vi lasciamo alle novità editoriali per i mesi primaverili.

La primavera di Rupe Mutevole:

“Tutto barcondola” di Daniele Locchi

tutto barcondola nasce dalle parole di Eva, la figlia del nostro autore Quando ci siamo conosciuti nel suo locale mi ha raccontato questo dolcissimo aneddoto:

“Io e lei, soli. Una sera, Eva 8 anni guarda fuori dalla finestra.

Chissà cosa guarda un bimbo a 8 anni.

Quando pubblicherò il mio primo libro di poesie lo chiamerò così. Tutto, ma proprio tutto barcondola.

Poesie scritte nelle notti, forse nei giorni strani di chi vive con forza la vita.

Padre figlio fratello amico, o solo osservatore dei nostri giorni.

Occhi critici su come viviamo il nostro tempo, personaggi noi, su di un palcoscenico troppe volte creato per non mettersi in gioco. Adulti adolescenti, e giovani spiazzati senza troppe convinzioni.

“Coppia con gatti” di Raffaela Millonig

Magia di un Giorno d’Autunno. Paolo e Raffaela lo sapevano che quell’impulso del tutto nuovo per loro e irrazionale, che in una sera d’ottobre li spinse ad accogliere un gatto e a portarselo a casa, in realtà veniva da molto lontano? Probabilmente no, loro non avevano mai avuto gatti e solo da poco avevano deciso di formare una coppia stabile. Cosa che però a un gatto non sfugge! Come sa sempre se quella è una “coppia à chat”. I gatti, sempre, nelle antiche Civiltà, sono stati il “genius loci”, i protettori della Casa, della Coppia, della Famiglia, coloro che, secondo antichissime credenze, formano un magico cerchio protettivo attorno all’abitazione dove vive chi li ha accolti e li ama. Una magia giunta attraverso un filo d’oro fino ad oggi, quella che fece dire al grande poeta Rainer Maria Rilke: “La vita con un gatto, ripaga”.

Immagine di copertina di Gianni Cestari

“Periplo” di Nicol Manicardi

Periplo: “Circumnavigazione di un continente o di un’isola estensione: itinerario circolare, con qualsiasi mezzo sia compiuto: compiere un periplo in aereo” “Nella letteratura greco-latina, descrizione di un viaggio marittimo, con dati geografici, tecnici e commerciali su mari, porti e città”. Così Nicola Manicardi ha titolato il suo libro. E penso che nella citazione del dizionario della lingua italiana stia, una, delle spiegazioni del senso dei versi di questo poeta. Poi. Si sa. Ogni poeta ha un suo mondo a parte. Nascosto. Inspiegabile. Che per sempre resterà suo e solo suo. E penso sia giusto così … Navigare. In un mare di carta. Circumnavigare una stanza. I capelli di una donna. Un bosco. Che anche se non c’è… c’è. Il bosco della nostra anima. Dove gli alberi non si ammalano mai. Dove incontrare una fata diventa una cosa normale. E incontrare un uomo diventa una cosa anormale. Navigare. Da poeta. Su una foglia. E dentro di lei trovare miriadi di infiniti. Circumnavigare se stessi. Affrontando il rischio di tempeste che mai avremmo immaginato. Onde giganti. Che rimpiccioliscono o dilatano la nostra mente. Il nostro pensiero.

Prefazione a cura di Enrico Nascimbeni

“Lettera a una figlia” di Enrico Vergoni

Sono l’insieme di fragili e innumerevoli Poesie, dolci e incantevoli immaginazioni di attimi racchiusi nel cuore… Infiniti sentimenti che sembrano danzare mentre si allineano e si rincorrono, susseguendosi in tutte quelle tenere frasi che parlano del mare, del cielo e di Dio.

Leggendo questo libro e scorrendo tra le pagine, sento che mi avvolgo con delle forti, immense e suggestive emozioni mi rapiscono, coinvolgono e sprigionano infinite sensazioni in un ritmo incalzante di frasi che l’autore usa come i battiti del cuore.

Sembra quasi una magia, perché tutto intorno risuona come il suono dei rintocchi del pendolo quando quell’orologio che scandisce il tempo, segnala ogni attimo vissuto e tutti quei ricordi che sono impressi nella mente…

Nessuno potrà mai dissolvere.

Dalla prefazione di Marina Risté

“Senza titolo” di Enrico Nascimbeni

Non darei questa lirica libera di Enrico per tutta la poesia contemporanea. Libera perché questi versi urlano di consapevolezza (finalmente), e la consapevolezza è l’unica qualità che ci rende davvero liberi il resto, compresi equità sociale, benessere e bla bla bla sono solo parole che siamo maestri a srotolare e a inseguire, ma che restano lì, avvinghiate a un sogno di prosperità dell’anima che in realtà è la parafrasi del vuoto interiore e l’annullamento del pensiero. Questi versi ricordano e spazzano via un mondo (e poi non dovremo aspettare ancora molto perché avvenga, ci penseranno i barbari, distruttori di civiltà e ripetitivi ideatori di calendari lunari): lo spazzano via con una staffilata definitiva, con un diluvio di parole evocate che scrosciano insieme al diluvio di una pioggia primordiale, quella che comincia all’alba e sai che non finirà, che trascinerà tutto, che lascerà un fango molle e spugnoso dapprima – sotto il quale soffocheranno i giocattoli della civiltà – e poi secco e immobile, a stringere in una morsa eterna il mare di aggettivi, l’oceano di inutilità di cui ci siamo circondati e nel quale ci siamo perduti, schiavi liberati fuori, ma schiavi dannati dentro.

“Ragnatele di silenzi” di Nadezhda Georgieva Slavona

Il romanzo di Nadezhda Slavova, con un linguaggio chiaro, scarno, coinvolgente, lontano da ogni enfasi retorica, e con grande profondità e lucidità, ritrae il periglioso e rovinoso percorso evolutivo di due giovani, legate e segnate da un segreto tremendo, donandoci un racconto intenso sul piano emotivo, maledettamente realistico nella critica, velata ma spietata, verso le falsità della moderna società. È una lettura che entra nelle dinamiche della famiglia, a volte minata da profonde lacune emotive, e che riesce a trasportare il lettore nel baratro del “silenzio” e del dolore insieme ai protagonisti, facendo percepire l’oscurità della solitudine e il “male di vivere”.

Tratto dalla prefazione di Francesco Martillotto

“Grido” di Claudio Fiorentini

Iniziare da questa poesia incipitaria significa andare da subito a fondo nella poetica di Claudio Fiorentini.

Un dire di assoluta novità architettonica per valenza metrica e cospirazioni intime, dove il verso, con andare fluttuante e modulato, cerca di farsi geografia fisica di un animo intimamente graffiato da una irrequietezza esistenziale.

Ricerca, scavo, analisi attenta e perspicace di pensieri che, con stratagemmi metaforici, si srotolano sul volto e scolano cadendo nelle rughe. Claudio si sdoppia per leggersi meglio si vuol vedere come persona estranea, come immagine allo specchio per ritrarsi con ironia ecuriosità, con ardore e intensità epigrammatica, raffrontandosicon la vita, il tempo, l’amore, la nullità dell’esistere, e il divenire implacabile dell’essere che non dà punti di riferimento a cui appigliarsi.

Dalla prefazione di Nazario Pardini

“Il Messaggio di R.D.I. – Il Risveglio della Divinità Interiore” di Akhenaton Reincarnato

(…) Fu del tutto inaspettato l’incontro che ebbi in quella sera calda di maggio, ritrovai, infatti, una ragazza che non vedevo da tempo, bastarono poche parole per comprendere che quell’incontro avrebbe illuminato tutta la mia vita! Seppi da lei, medium, d’avere anch’io tale dono e fu bellissimo, rimasi estasiato, l’anima sussultò come mai prima di allora. Il cuore scoppiava in petto, tutto ciò rappresentava una conferma di vita per l’intero mio trascorso. Così avvenne… in una stazione, scendemmo dal treno da porte adiacenti senza rendercene conto e incrociammo gli sguardi, poi lei si avvicinò a me istintivamente cercando rapidamente un dialogo. Passarono quattro ore, in un istante, i dialoghi divennero sole vivificante e nuova forza per la vita. Quando il cielo mostrò il suo primo indaco, capimmo che si era davvero fatto tardi. Accompagnai quindi la ragazza a casa facendomi dare le opportune indicazioni stradali visto che non sapevo neppure dove abitava. In quegli attimi pensai alla meraviglia che stava accadendo: due vite s’intrecciavano e quell’evento annullava anni d’incognito. Il saluto fu tutt’altro che formale, testimone il lungo abbraccio che ci vide coinvolti… Sorrisi un’ultima volta prima di lasciarla con lo sguardo, lei istintivamente, scrisse il suo recapito telefonico su di uno spazio libero nel medesimo foglio ove poco prima erano stati tracciati i messaggi medianici. Concluse dicendomi che ci saremmo rincontrati da lì a breve. Le sensazioni che provai, durante il viaggio di ritorno a casa, furono un tutt’uno con la musica rilassante che la radio trasmetteva. Così tutto cominciò per me…

“La sciarpa di seta” di Max Rente

Questo romanzo è pieno di mille sfumature e sensazioni meravigliose che non possono fare a meno di esplodere con l’immenso amore di due giovani che sopravvivono soltanto per ritrovarsi il loro è un desiderio infinito, intenso e splendente di luce, che li nutre da lontano e non li fa cedere agli avvenimenti della vita. Un romanzo stupendo dal sentimento appassionato, travolgente e dolce che ti fa assaporare la vita in ogni momento di tristezza o felicità che viene descritto molto bene e con l’armonia di un artista la storia è scorrevole, narrata in un modo profondo, deciso e struggente che manifesta una forza che soltanto un grande amore può suscitare. Questo romanzo è scritto con il cuore, con la voce di un’anima pura che vuole dare un messaggio al lettore, una speranza dove può riconoscere ciò che il destino gli ha riservato è qualcosa che non immagini possa riuscire a far trionfare un sentimento stupendo da rendere il dono della vita, la cosa più preziosa che possa avere una persona.

Dalla prefazione di Marina Risté

Copertina di Luca Allegrini

“Un unico cielo il solo vero” di Stefania Miola

“Di tanto morirò ” canta Ivano Fossati. Ma forse di amore non si muore. Ma si vive. Questa è la prima sensazione che ho avuto leggendo le poesie di Stefania Miola. Una sensazione di buon profumo di muschio e “vecchie lavande”. La scrittura scivola dolcemente. Una scrittura che non cerca vocaboli strabilianti (te ne sono grato Stefania). Ma vocaboli veri. Sinceri. Parole vere. Leggere. Senza compiacimenti che personalmente mi spaccano altamente i maroni. Perché ritengo la poesia cosa complicatamente semplice. Come l’amore. Forse.

“Senza carne, Senza ossa, Danzo fra le foglie animate da una dolce brezza.” (Il silenzio dell’anima).

Ecco in questa poesia a mio si parere può benissimo identificare e sfiorare l’opera di Stefania. Una danza arcaica dove sembra dimorare l’ eterna domanda: chi sono io? Poche parole. Secche come foglie. Bellissime. Danzate bene.

“Senza speranza e senza disperazione” di Emidio Paolucci

A cosa serve la poesia? A catturare i tuoi deserti… E’ la prima immagine alla quale si rimane inchiodati sfogliando le pagine di questa raccolta, immagine fulminante di verità. Perché c’è un deserto grande quanto un oceano nel quale si prosciuga la vita di chi è in carcere, ed è il vuoto di vita affettiva e sessuale. Che è pena che si aggiunge a pena, che è punizione aggiuntiva di corpi. Cosa che in molti paesi in Europa e fuori dall’Europa è stata superata, ma in Italia ce la teniamo ben stretta, come struttura inconscia dell’apparato repressivo. Noi, di qua dalle mura, neppure pensiamo a quale grande tortura, che si aggiunge alla pena della detenzione, sia questa privazione, che è compressione violenta e devastante di pulsioni naturali, che porta malattie, che porta dolore. Una privazione che si traduce in negazione della persona, se nei tempi e nei modi della relazione anche affettiva e sessuale tutti noi costruiamo la nostra persona e la nostra vita, se noi siamo quello che vediamo nello sguardo dell’altro e in quello ci riconosciamo. Proviamo a immaginare quali torsioni della personalità ne derivano, quale lacerazione. Annullare questo dolore negandolo, porta spesso alla negazione della vita stessa…

Dalla prefazione di Francesca Carolis

“Il fratello di Marta” di Maurizio Giardi & Marco Mannori

Questo romanzo si apre con una dedica. “A tutti coloro che si sentono soli”. Quindi. è dedicato a tutto il genere umano. Quello pensante. S’intende. E già qui la lista si assottiglia. Già siamo sul romanzo di élite. E scritto come si scriveva una volta. Sembra battuto su una Olivetti. Oppure racchiuso in un disordinato ammasso di fogli di carta spiegazzata. Dalla prefazione di Enrico Nascimbeni

Immagine di copertina di Teodolinda Caorlin

“Dialoghi col vento” di Salvatore Angius

Mi sono chiesto se veramente esistono ancora dei ragazzi come Salvatore Angius. Se veramente esistono ancora dei poeti come Salvatore. La risposta è sì. E vivaddio la cosa mi riempie di gioia. Il cuore di Salvatore abita su un “ermo colle”, lo sguardo di Salvatore coglie “infiniti silenzi”. Leggere i suoi versi è come immergersi in uno di quei quadri dimenticati in un corridoio dimenticato. Quelli che per una vita. Sebbene fossi passato di lì un milione di volte. Non avevi mai attentamente guardato. Poi viene quel giorno che lo guardi e… Diventi tutt’uno con il quadro. Forse perché tutti in questo terzo millennio volgare abbiamo bisogno di momenti di antica bellezza. Salvatore intende così la poesia. Le rime scivolano come sapone dalle mani. Croce, atroce, voce…

E le rima si fa moderna. Pensieri. Desideri, veritieri, vivi e veri. E così la poesia diventa sublime. Le parole diventano suoni. Montaliane parole-suono. “Cocci aguzzi di bottiglia” scriveva Montale meriggiando “pallido e assorto”.

Dalla prefazione di Enrico Nascimbeni

“Una pioggia di emozioni” di Giuseppe Stillo

“E scrivere d’amore…scrivere d’amore…anche se si fa ridere…anche quando la guardi…quando la perdi…l’importante è scrivere…” canta Vecchioni ne “Le lettere d’amore” dedicata a Fernando Pessoa. Quando ho letto i versi di Pino Stillo ho pensato a questa poesia-canzone sul poeta portoghese. I versi di Pino sono liberazione dei suoi tormenti. Nudità del poeta vero di fronte a tutto e tutti. “Solo chi non scrive mai lettere d’amore fa veramente ridere”. E per la madonna queste poesie sono vere. Sono amiche dei boschi e delle carezze. Sono fragili come farfalle. Una fragilità che Stillo non nasconde. Non costruisce. Ma suda dalla sua fronte senza inganni o, peggio, banali e vuoti compiacimenti dei falsi scribacchini da social.

Dalla prefazione di Enrico Nascimbeni

“Ruvide carezze” di Michela Giavarini & Luca Santilli

Così scopriamo piano piano, la storia di questa ragazza: la definisco ragazza, ma potrebbe avere una qualsiasi età, perché la violenza sulle donne non ha età. Scopriremo le sue disillusioni, le ferite quelle dell’anima e fisiche, inferte ahimè, come avviene, quasi sempre, fra le mura domestiche. Non c’è un perché, non amo dare giustificazioni alla violenza, spesso troppe volte giustificata da un’infanzia difficile.

“Mi vedrai spogliata della maschera indossata/ per apparire come avrei voluto essere/ felice e spensierata,/ non triste e sola come sono.// Dolorosa finzione/ sorrido/ vado avanti/ impenetrabile/ trattengo le lacrime,/ fino a quando nel buio della notte/ sgorgano libere/ a stregare le stelle del cielo.”

“El Arbol las mariposas” di Delia L. Sant

Illustrazioni di Silvia Campaña Graphic designer Svein Olav Thunaes

Versione in lingua spagnola della fiaba già edita da Rupe Mutevole “L’albero delle farfalle”


Video: Designing A Book With Ansel Adams


Previous Article

Badan thick-leaved - a useful medicinal and beautiful ornamental plant

Next Article

Winter Dogwood Varieties: What Are Good Standout Dogwoods In Snow